TV La7: Zoro pronto a lavorare a nuovi progetti televisivi

Anche l’emittente TV La7, così come tutte le squadre di calcio che al termine della stagione si cimentano nel calciomercato, definisce il nuovo organigramma con nuovi ingaggi e tanti nuovi progetti per mantenere il livello finora raggiunto e aumentare la qualità delle trasmissioni.

Il nuovo team della TV La7

È cambiato il direttore di rete del team TV La7: è Andrea Salerno che con il suo arrivo sta ridisegnando le strategie e il palinsesto. In quest’ottica è da collocare l’arrivo anche di Zoro, nome d’arte di Diego Bianchi, conduttore e autore TV che, insieme a tutto il suo team di lavoro, Marco Dambrosio (Makkox) compreso, che ha determinato il successo del format Gazebo, arriva nell’emittente di Urbano Cairo con l’obiettivo di perseguire nuovi progetti televisivi. In un tweet, come di consueto nel mondo di oggi, Zoro ha dichiarato: “Rai3 è stata casa. Come tale, ringraziando chi me l’ha fatta vivere così, la penserò sempre. La7 è una grande sfida, con i complici di prima”.

Zoro e lo sguardo sulla politica dell’emittente TV La7

La scelta di Urbano Cairo, editore dell’emittente TV La7 e anche del Corriere­, di ingaggiare Zoro non è solamente per il successo che egli ha avuto nel corso di questi anni (Gazebo è in onda dal 2013), ma anche per la modalità, ironica, disinvolta, intelligente e anche attenta alle voci della ‘pancia’, della gente comune, con la quale raccontare la politica italiana. I personaggi che hanno reso Gazebo il format di successo che è sono da ricordare la giornalista Francesca Schianchi e Marco Damilano, vicedirettore dell’Espresso, che hanno permesso di analizzare il ‘gioco’ della politica, il tassista Mirko (Missour 4) che raccoglieva i commenti della gente e il vignettista Marco Dambrosio. Il loro modo di raccontare le cose non è stato mai serioso da salotto buono come siamo abituati a vedere e anche questo è stato determinante perché il racconto della politica uscisse dagli schemi tradizionali e riuscisse, in questo modo, ad essere ascoltato dalla gente ormai satura dei soliti cliché.

Commenti

Commenti

Lascia un Commento