#Escile, dal Politecnico di Milano riparte la sfida dei seni

All’inizio dell’anno c’era stato un vero e proprio tormentone social: con l’hastag #escile, tantissime studentesse degli atenei italiani si sono ‘sfidate’ a mostrare i loro seni con varie scritte per sfidarsi in una gara virtuale a chi ricevesse il più alto numero di ‘like’ sui social. A distanza di pochi mesi la sfida è stata ufficialmente riaperta.

#escile e la sfida dei seni

Il guanto, o meglio il reggiseno, della sfida è stato lanciato e sulla nota pagina Facebook degli studenti del Politecnico di Milano nei giorni scorsi è comparsa una foto piuttosto esplicita in cui una ragazza dai seni decisamente abbondanti, teneva sotto uno di essi un pennarello; il post che ha accompagnato la foto era, forse, ancora più eloquente: “Quando devi portarti la penna in giro ma non hai voglia di usare l’astuccio“. È bastato poco per riaccendere un focolare forse mai sopito (questo tipo di immagini e contenuti raccoglie sempre tantissime interazioni e interesse) ed è ricominciata la sfida. A conferma che si tratta di una gara la seconda foto, dove un’altra ragazza tiene sotto il proprio seno una matita e nel post tutta una serie di hastag delle altre università milanesi le cui studentesse, in questo modo, si sentiranno chiamate in causa a replicare e a tenere alto il nome del proprio ateneo (e le proprie forme).

Il fenomeno #escile

Era nato per caso e sembrava destinato a fare la stessa fine (l’oblio) di tanti altri contenuti goliardici postati sulle bacheche delle pagine Facebook delle università italiane, invece l’hastag #escile ha superato i confini del Politecnico di Milano ed è diventato un vero e proprio fenomeno virale.

La popolarità di tale modo di dire era diventato molto diffuso, tanto da essere utilizzato anche da calciatori e note coppie del gossip nostrano. Ora, con l’inizio dell’estate, è cominciato il secondo round. Preparatevi a vedere le vostre bacheche invase di tanta abbondanza.

Commenti

Commenti

Lascia un Commento