I nuovi milionari sono fuori dall’UE: ecco le conferme

In tempi di crisi non è vero che non c’è ricchezza, ma che i nuovi milionari sono altri rispetto a quelli che lo erano tradizionalmente e spesso sono lontani, sia dalla nostra percezione, ma anche dalla nostra terra. Infatti, come dimostra uno studio sui patrimoni privati, i nuovi ricchi risiedono in Paesi fuori dall’Unione Europea. E non è un caso, la loro ricchezza dipende anche e proprio da quello.

L’HNWI e i nuovi milionari

Questo studio sui nuovi milionari arriva analizzando un indicatore, l’HNWI (High Net Worth Individual), molto utilizzato nel settore del private banking, che individua quali sono le persone che hanno un patrimonio alto, superiore almeno al milione di dollari.

Ebbene tramite questo indicatore si evince come, solo nell’ultimo anno, la crescita della ricchezza delle persone benestanti è stata di circa l’8.2% (raddoppiata rispetto all’anno precedente), ma che l’Europa viaggia ad una media molto più bassa.

I numeri della ricchiezza dei nuovi milionari

Fuori dall’Europa, in sintesi, la ricchezza cresce a una velocità di più del doppio rispetto a quanto accade all’interno dei confini del vecchio continente.

I dati dei nuovi milionari

Entrando nel merito di questa analisi sui nuovi milionari si scoprono dettagli molto interessanti, anche lontani – lontanissimi – da quella che è la percezione comune figlia di una certa corrente mediatica, come ad esempio che il miglior risultato dell’HNWI è stato raggiunto dalla Russia, cresciuta di quasi il 20% nonostante le sanzioni americane ed europee.

Secondo gli analisti della CapGemini, che hanno svolto queste ricerche, la crescita della ricchezza dei Paesi scandinavi (la Svezia e la Norvegia hanno conosciuto un aumento del 13%) è dovuta all’aumento delle economie stabili, all’aumento del prezzo degli immobili e alla crescita anche delle borse.

Infine un dato in prospettiva: entro il 2025 la ricchezza dei HNWI supererà la soglia dei centomila miliardi di dollari, di cui il 60% sarà in soli quattro Paesi: Giappone, Cina, Usa e Germania.

Commenti

Commenti

Lascia un Commento