Tolleranza Tutor, per l’eccesso di velocità sale al 15%

Per il livello di tolleranza Tutor non possono applicarsi le stesse regole che valgono per qualsiasi impianto Autovelox. A stabilirlo è la sentenza 12/2017 del Giudice di Pace della località Porretta Terme che, accogliendo un ricorso di una società e applicando il principio per il quale i due sistemi sono evidentemente differenti e non equiparabili, ha stabilito un livello di tolleranza al 15%.

Il livello di tolleranza Tutor al 15%

Per gli autovelox ad oggi il livello di tolleranza è fissato al 5%, ma la tolleranza Tutor deve essere maggiore in quanto, come si legge nella sentenza del Giudice di Pace, il Tutor è un sistema nel quale sono integrate più apparecchiature e per ognuna di essa va applicata la soglia di tolleranza del 5%.

I limiti di tolleranza Tutor

Quindi 5% per il portale di ingresso, 5% per quello di uscita e altri 5 per l’unità che gestisce il calcolo e la trasmissione dei dati; ecco quindi il limite al 15%.

Tale sentenza potrà essere utilizzata da molti automobilisti che potranno rivendicare anche a loro favore tale ragionamento ed evitare così il pagamento delle contravvenzioni.

La tolleranza Tutor e le multe

A complicare la questione, che ha portato il Giudice di Pace di Porretta Terme a stabilire che i limiti di tolleranza Tutor devono essere estesi al 15%, sono state rinvenute diverse anomalie nel verbale nel quale era contestata l’infrazione. La società proprietaria del veicolo multato, infatti, ha lamentato l’assenza di dati chiari e specifici con i quali rilevare e verificare il calcolo sul quale è stata determinata la velocità.

In assenza di questi dati, della chilometrica del portale di ingresso, di quello di uscita e dell’orario della presunta infrazione, hanno portato all’annullamento del verbale e all’emissione di questa sentenza che stabilisce un nuovo limite di tolleranza per i sistemi Tutor per stabilire le infrazioni sugli eccessi di velocità.

Commenti

Commenti

Lascia un Commento