Accertamento fiscale: dopo quanto scatta la prescrizione?

Sono in tanti che si domandano quali siano i tempi di prescrizione per l’accertamento fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate, in quanto molto spesso si ricevono somme di denaro sul proprio conto corrente e si vorrebbe evitare di doverle giustificare al Fisco. Proviamo a fare chiarezza su quali sono i termini entro i quali è possibile che venga svolta una verifica sui redditi degli anni passati.

La prescrizione dell’accertamento fiscale per la dichiarazione dei redditi irregolare

I tempi dell'accertamento fiscale

Sono due i casi in cui l’Agenzia delle Entrate può procedere con un accertamento di tipo fiscale: quando la dichiarazione dei redditi non viene presentata e quando viene presentata ma in maniera inesatta o errata.

Sostanzialmente, in maniera sintetica ed esaustiva, bisogna sapere che qualora c’è stata una comunicazione irregolare della dichiarazione dei redditi, i termini per la prescrizione per l’accertamento fiscale è di 4 o 5 anni, secondo i seguenti casi:

  • per i periodi tributari prima del 2016 il controllo fiscale deve obbligatoriamente essere notificato entro e non oltre il 31 dicembre del quarto anno successivo alla dichiarazione dei redditi;
  • per i periodi tributari dopo il 2016 il controllo fiscale deve obbligatoriamente essere notificato entro e non oltre il 31 dicembre del quinto anno successivo alla dichiarazione dei redditi.

In entrambi i casi, qualora i termini fossero scaduti, scatta automaticamente la prescrizione.

La prescrizione dell’accertamento fiscale per la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi

Nel caso in cui, invece, la dichiarazione dei redditi non venga presentata, l’accertamento fiscale ha i seguenti termini di prescrizione:

  • per i periodi tributari prima del 2016 il controllo fiscale deve obbligatoriamente essere notificato entro e non oltre il 31 dicembre del quinto anno successivo alla dichiarazione dei redditi;
  • per i periodi tributari dopo il 2016 il controllo fiscale deve obbligatoriamente essere notificato entro e non oltre il 31 dicembre del settimo anno successivo alla dichiarazione dei redditi.

Commenti

Commenti

Lascia un Commento