In 55mila al concerto di Manchester di Ariana Grande contro la paura

Il concerto di Manchester organizzato da Ariana Grande, per rispondere all’attacco terroristico del 22 maggio scorso quando l’esplosione di un kamikaze ha causato la morte di 23 persone, la maggior parte di giovanissima età, e provocato il ferimento di 122 persone, ha visto la partecipazione commossa e struggente di oltre 55mila persone.

Il concerto di Manchester di Ariana Grande

Ariana Grande ha voluto rispondere al terrorismo che ha conosciuto in prima persona durante il suo concerto nel quale hanno perso la vita 23 persone. Il concerto di Manchester di domenica scorsa è stato più un tributo, un vero show nel quale oltre 55mila persone si sono ritrovate per dire ‘no’ al terrore e provare, nonostante tutto, a vivere una vita normale, che significa anche avere la libertà di assistere in sicurezza ad un concerto. Ogni brano cantato aveva un senso, un messaggio da dare. Un messaggio rivolto non ai terroristi, che l’unico suono che conoscono è quello della morte e delle armi, ma rivolto a chi era lì e, in un fiume di lacrime e commozione, vuole ancora credere in un mondo pacifico e vivibile.

Proprio per dare un messaggio chiaro il primo brano è stato You ar not alone in this cantata da Marcus Mumford. Sul palco si susseguono poi un commosso Robbie Williams, Pharrell Williams, Miley Cyrus, quindi Niall Horan e Slow Hands, Justin Bieber e Katy Perry. Poi l’arrivo di Ariana Grande e, interrotta continuamente dalle lacrime, si alterna in duetti con i Black Eyed Peas, con Victoria Monet, con Miley Cyrus e il fidanzato Mac Miller, quindi Chris Martin dei Coldplay e i musicisti Will Champion e Guy Berryman.

Il futuro dopo il concerto di Manchester

Il passato è pieno di sangue, terrore, morti, feriti e sgomento. Il presente è passato dal concerto di Manchester organizzato da Ariana Grande e il futuro, piuttosto incerto e fragile, passa anche dalla volontà degli oltre 55mila partecipanti di non rinunciare a vivere, nonostante tutto, nonostante tanti.

Commenti

Commenti

Lascia un Commento